Artroscopia

Il ginocchio è una struttura articolare molto complessa costituita da due articolazioni principali :quella fra femore e tibia (articolazione femoro-tibiale) e quella fra rotula e femore (articolazione femoro-rotulea)

La complessa biomeccanica del ginocchio è garantita da una serie di strutture legamentose (legamenti crociati e legamenti collaterali) , dai menischi (mediale e laterale)che interagiscono fra di loro e dalle strutture muscolari e tendinee.

L’articolazione fra rotula e femore ha una sua biomeccanica particolare che è controllata da due tendini (il tendine quadricipitale e il tendine rotuleo) e da due legamenti (patello-femorale mediale e laterale)

Il ginocchio è un’articolazione chiusa avvolta e separata da una membrana (la membrana sinoviale). 

Tutte le superfici articolari (tibia-femore-rotula) sono rivestite da un tessuto nobile e molto delicato, la cartilagine, che consente lo scorrimento delle varie componenti articolari le une sulle altre senza frizioni.

I menischi

In ogni ginocchio ci sono due menischi, il menisco mediale o interno che ha una forma a C e il menisco laterale o esterno la cui forma invece è più simile ad una O.

Menisco laterale: possiede la forma di una C molto chiusa (quasi una O) ed è più spesso, più resistente e più mobile del mediale

Menisco mediale: possiede forma di una C aperta ed è meno spesso e meno largo dell’esterno, specialmente nella sua porzione anteriore.

I menischi svolgono importanti funzioni: rendono più congruente la superficie articolare, ammortizzano i carichi all’interno del ginocchio, rendono più stabile l’articolazione, contribuiscono alla sua lubrificazione.

Le lesioni del menisco mediale sono più frequenti di quelle del menisco laterale. 

I legamenti crociati

I legamenti crociati sono due: 

  • il legamento crociato anteriore (LCA)
  • il legamento crociato posteriore (LCP)

Sono detti crociati proprio perchè, per la loro posizione e le loro inserzioni anatomiche si incrociano all’interno dell’articolazione del ginocchio. 

Sono strutture anatomiche fondamentali in quanto rappresentano il cosiddetto perno centrale del ginocchio, e ne costituiscono il principale elemento di stabilizzazione nei movimenti di rotazione.

I legamenti collaterali

I legamenti collaterali sono le due strutture legamentose posizionate nella porzione esterna del ginocchio , sul lato interno (legamento collaterale mediale) e su quello laterale (legamento collaterale laterale).Stabilizzano il ginocchio sul piano frontale,quindi sui movimenti verso l’interno e verso l’esterno.Il collaterale mediale (LCM) è una fascia molto spessa che si inserisce sul femore e sulla tibia ed è connessa al menisco mediale.

Il Legamento Collaterale laterale (LCL) è invece una struttura anatomica piu’ complessa costituita da diversi tendini e legamenti interconnessi tra di loro .Si possono distinguere due aree anatomiche ben precise ,la componente antero-laterale e quella postero-laterale.La lesione di una di queste due aree anatomiche puo’ determinare un aumento dell’instabilita’ rotatoria del ginocchio.

L’articolazione femoro-rotulea

Com’è fatto un ginocchio

L’articolazione femoro-rotulea è estremamente complessa ed è fondamentale per la biomeccanica del ginocchio. La rotula infatti funziona come una puleggia e aumenta il braccio di leva del ginocchio sopportando gran parte delle forze che si scaricano su questa articolazione. Sulla rotula si inseriscono infatti due tendini ,il quadricipitale che connette il muscolo quadricipite del femore e il rotuleo,che collega la rotula alla tibia. L’insieme di queste strutture forma quello che è chiamato l’apparato estensore del ginocchio. L’articolazione femoro-rotulea è molto delicata e puo’ essere origine e sede di diverse patologie del ginocchio (dolore e intabilita’)

La membrana sinoviale

La membrana sinoviale avvolge quasi tutte le strutture articolari del ginocchio separando l’articolazione dai piani più superficiali.
E’ un tessuto molto sottile, riccamente vascolarizzato ed innervato.

Mantiene l’equilibrio (omeostasi) articolare del ginocchio, nutre la cartilagine e produce il liquido sinoviale che serve a lubrificare il ginocchio.

Un ginocchio si gonfia quando la membrana sinoviale produce troppo liquido sinoviale. Questo avviene nella maggior parte dei casi come meccanismo di difesa. Se qualcosa all’interno del ginocchio si “rompe” o si danneggia la membrana sinoviale attiva un meccanismo di protezione producendo piu’ liquido per lubrificare di piu’ il ginocchio.

Anche la membrana sinoviale puo’ essere sede di patologie quali le sinoviti su base reumatica, che lo trasformano in tessuto aggressivo che provoca la progressiva distruzione delle strutture intraarticolari (cartilagini, menischi, legamenti).

Cartilagine articolare

Si chiama cartilagine ialina e riveste le superfici articolari di tibia, femore e rotula.
Le sue particolari caratteristiche istologiche (è costituita in gran parte da acqua e fibre collagene) ne determinano l’aspetto macroscopico traslucido e la rendono particolarmente elastica consentendo lo scorrimento della tibia sul femore e della rotula sulla troclea femorale.

Le lesioni cartilaginee sono frequenti e fino a qualche anno fa il loro trattamento costituiva un problema praticamente irrisolvibile; purtroppo infatti la cartilagine non è spontaneamente in grado di riparare, di riformare cioè nella sede della lesione un tessuto della stessa qualità di quello d’origine.